Seguici su
Cerca

Descrizione

Il contenuto che segue è stato scritto dal poeta Carlo Porta in dialetto milanese

BRINDES DE MENEGHIN A L'OSTARIA
PER L'ENTRADA IN MILAN
DE SOVA S. C. MAISTAA I. R. A. FRANZESCH PRIMM
IN COMPAGNIA DE SOVA MIEE
L'IMPERATRIZ MARIA LUVISA

Alto allon, trinche vain, trinche vain!
Portee scià mezz e zain - e peston,
trinche vain, trinche vain, prest, allon!
Mì denanz de mia trippa voller
d'ogni sort de caraff, de biccer,
mì voller metter surba in vassell
e vodara cantina a Perell!
Ah che bev! Ah che bev che vuj fà,
vuj sgonfiamm,
vuj negamm - vuj s'cioppà,
vuj scarpamm,
sgarbellamm - col cantà,
col fà eviva
al GRAN MÈTTER che riva,
al PATRON, car carasc, bon PATRON,
ch'el ven scià con la brocca d'oliva,
senza ruzz, né sparad, né baccan,
a proved ai besogn de Milan.
Alto allon, trinche vain, trinche vain!
Portee scià mezz e zain - e peston,
trinche vain, trinche vain, prest, allon!
Se i speranz della pas ses agn fa
m'han faa bev a sto post tanto vin
de fa corr di barchitt, di molin,
tanto mej l'è incoeu el dì de boffà,
de spongà,
de sugà,
de negà,
ché la pas no la manca - l'è franca,
ché l'è chì, che la pò pù scappà.
Alto donch, trinche vain, scià del vin!
ch'el mè stomegh l'è secch come on ciod,
scià on martin
de Buscaa, ch'el vuj god
con savor
in onor - del PATRON!
Quest l'è bon!
Cara, cara che fior
de bobô - che l'è quest! Oh che gust!
Glô, glô, glô - Benedetta la terra
de Buscaa, di contorna de Bust,
che ve staga lontana la guerra,
che i tempest, i stravent, la scighera
vaghen tucc a pestass in brughera.


Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri